fbpx

Ci siamo improvvisamente trasformati in una zebra a pois (rossi per la precisione), o forse rassomigliamo maggiormente alla famosissima Pimpa: è comparsa una forma di eritema multiforme.

Multiforme cosa? Multiforme in quanto si presenta in tante varianti e si manifesta come reazione ad una moltitudine di cause, ma vediamo il tutto in dettaglio sotto.

“Non è quello che dicono, ma la loro reazione che ti dice tutto quello che devi sapere.” (Shannon L. Alder)

Eritema multiforme: di cosa si tratta?

Detto anche eritema essudativo multiforme o eritema polimorfo, di fatto è una patologia della pelle generata da una risposta del sistema immunitario.

Nello specifico i globuli bianchi si attivano andando a colpire i vasi sanguigni e generando l’infiammazione che si manifesta a livello cutaneo.

Può presentarsi in forma maggiore (i sintomi sono molto intensi, si hanno lesioni anche a livello delle mucose ed in questo caso si parla di sindrome di Stevens-Johnson), in forma minore (colpisce in maniera più lieve solo la pelle) ed in forma necrotica (il tessuto colpito muore e la pelle si distacca – sindrome di Lyell).

Naturalmente a seconda del manifestarsi della patologia e della storia clinica del paziente la diagnosi potrà variare. Potrà essere solo obbiettiva (limitandosi allo studio visivo di lesioni e papule), potranno essere richieste specifiche analisi del sangue o in taluni casi vi potrebbe essere la necessità di ricorrere alla biopsia del tessuto interessato.

Eritema multiforme: i sintomi.

Manifestiamo in maniera violenta ed acuta bruciore e prurito, sul corpo sono comparse bolle rosse, macule, papule o vescicole. O ancor peggio vere e proprie erosioni cutanee, eritemi, ulcere e le parti colpite risultano estremamente gonfie (edema).

Ma non solo. Si potrebbe anche verificare aftosi orale naturalmente associato a bruciore in bocca.

Se non ci siamo fatti mancare nulla sono comparsi anche malessere generale, febbre, sintomi oculari e problemi visivi.

Eritema multiforme: le cause.

E fin qui ci siamo, delineato i sintomi abbiamo identificato la patologia. Ma non sarà semplice delinearne le cause.

L’eritema multiforme purtroppo può essere generato da una moltitudine di fattori:

  • reazione avversa a farmaci (in particolar modo in seguito all’utilizzo di pennicillina, barbiturici e sulfamidici);
  • da un’infezione (spesso da virus Herpes Simplex, Mycoplasma pneumoniae.;
  • in presenza di malattie autoimmuni (come il lupus erimatoso sistemico);
  • eventuale reazione a vaccini (in particolare nel caso di antipolio, antidifterite-antitetano, antitubercolari).

Eritema multiforme: dove.

I punti del corpo maggiormente colpiti in genere sono il volto, le mani ed i piedi. Ma come precedentemente detto si può verificare aftosi orale ed in questo caso la parte interessata sarà la bocca (nello specifico palato, gengive e lingua con presenza di dolorose e brucianti ulcere).

Eritema multiforme: l’evoluzione.

L’eritema multiforme in genere, se non è causato da infezioni virali o malattie autoimmuni, si risolve in maniera totalmente spontanea, senza l’utilizzo di alcuna terapia.

Diversamente si seguiranno i protocolli normalmente applicati per la patologia cronica che ha generato la manifestazione dei sintomi.

Eritema multiforme: come alleviare i sintomi.

Naturalmente localmente sarà necessario applicare creme, pomate o gel che permettano di alleviare la sensazione di bruciore e prurito. Il medico potrà indicare rimedi ad uso topico contenenti antistaminico o corticosteroidi.

Volendo evitare di utilizzare prodotti contenenti sostanze chimiche possiamo consigliare l’olio di crisalide.

Ma questo naturalmente (ci sembra opportuno e doveroso specificarlo, non ci vogliamo di certo sostituire in maniera alcuna al medico!) solo nelle forme più lievi.