Benzyl Benzoate: che cos’è?

L’alcol benzilico è un alcol biologico presente in molti tipi di frutta e tè. L’alcool benzilico ha un gruppo ossidrile (-OH), mentre il composto correlato, l’acido benzoico ha un gruppo carbossilico (-COOH). Il benzoato di sodio, il benzoato di calcio e il benzoato di potassio sono sali dell’acido benzoico. Il benzoato benzilico è un estere di alcol benzilico e acido benzoico.

L’alcol benzilico e l’acido benzoico si trovano naturalmente in molti alimenti come albicocche, fagioli, cacao, mirtilli rossi, funghi e miele. L’alcool benzilico si trova anche nell’olio essenziale di molte piante, tra cui gelsomino, giacinto e ylang-ylang.

Benzyl Benzoate: perché viene utilizzato nei cosmetici e nei prodotti per la cura personale?

L’alcol benzilico, l’acido benzoico e i suoi sali e il benzoato benzilico sono utilizzati in un’ampia varietà di cosmetici e prodotti per la cura personale, compresi prodotti per l’infanzia, prodotti per il bagno, saponi e detergenti, trucco per gli occhi, fard, prodotti per la pulizia, prodotti per il trucco come prodotti per la cura dei capelli, delle unghie e della pelle.

Le seguenti funzioni sono state segnalate per questi ingredienti:

  • inibitore di corrosione;
  • ingrdiente di fragranza;
  • regolatore del PH;
  • conservante;
  • solvente;
  • viscosizzante.

Ingrediente di fragranza – Alcool benzilico, Acido benzoico, Benzoato di

Benzyl Benzoate: è un ingrediente sicuro?

Il gruppo di esperti CIR ha esaminato i dati che indicano che l’esposizione per inalazione all’Acido Benzilico e all’Acido Benzoico non ha prodotto effetti avversi. Sebbene i test di genotossicità per questi ingredienti fossero per lo più negativi, alcuni test erano positivi. Gli studi di cancerogenesi, tuttavia, sono stati negativi.

I dati clinici indicavano che in alcuni individui questi ingredienti producevano orticaria da contatto non immunologica e reazioni di contatto immediate non immunologiche, caratterizzate dalla comparsa di pomfi, eritema e prurito. In uno studio, il 5% di alcool benzilico ha provocato una reazione e in un altro studio ha fatto lo stesso il 2% di acido benzoico. L’alcol benzilico, tuttavia, non era un sensibilizzatore al 10%, né l’acido benzoico era un sensibilizzatore al 2%.

Riconoscendo che le reazioni non immunologiche erano strettamente cutanee, probabilmente comportano un meccanismo colinergico, si è concluso che questi ingredienti potevano essere usati in modo sicuro a concentrazioni fino al 5%. Inoltre, l’alcol benzilico è stato considerato sicuro fino al 10% per l’uso nelle tinture per capelli.

L’esposizione corporea limitata, la durata dell’uso e la frequenza d’uso sono stati considerati nel concludere che le reazioni non immunologiche non sarebbero state una preoccupazione.

L’alcool benzilico può essere usato come conservante nei cosmetici e nei prodotti per la cura personale commercializzati nell’Unione europea ad una concentrazione massima dell’1%.

L’acido benzoico e i suoi sali ed esteri sono inoltre consentiti come conservanti nei cosmetici e prodotti per la cura personale ad una concentrazione massima (espressa come acido) del 2,5% nei prodotti di risciacquo (eccetto i prodotti per l’igiene orale), 1,7% nell’assistenza orale prodotti e 0,5% in aspettativa sui prodotti (cfr. allegato VI). L’alcole benzilico e il benzoato benzilico sono anche elencati nell’allegato III della direttiva sui cosmetici dell’Unione europea.

Quando l’alcol benzilico o il benzil benzaote sono usati come ingredienti per le fragranze, l’allegato III richiede che la presenza di questi ingredienti per le fragranze sia indicata sull’etichetta del prodotto quando è utilizzata ad uno 0,001% superiore nei prodotti con congedo e superiore allo 0,01% nel risciacquo -off prodotti

Visualizzazione di 2 risultati