fbpx

In precedenza abbiamo parlato molto genericamente dei flavonoidi, oggi cerchiamo di entrare nello specifico andando ad analizzare le caratteristiche di uno di questi: la troxerutina.

“Quanto più già si sa, tanto più bisogna ancora imparare. Con il sapere cresce nello stesso grado il non sapere, o meglio il sapere del non sapere.” (Friedrich Nietzsche)

Che cosa è la troxerutina?

La troxerutina è più comunemente conosciuta come vitamina B4. É un bioflavonoide che si ottiene per metilazione di una sostanza naturale, la rutina.

Dove si trova questo flavonoide?

Questo principio attivo è un derivato della rutina. Quest’ultima viene estratta da una pianta, la Sofora del Giappone (Sophora japonica).

Quali sono le proprietà della troxerutina?

É principalmente utilizzata per rinforzare le pareti dei capillari sanguigni, prevenendo così qualsiasi tipo di perdita di sangue.

Ma risulta utile anche per:

  • ridurre il dolore;
  • contrastare la formazione di radicali liberi;
  • per ridurre gli edemi, per contrastare le retinopatie;
  • è un vasocostrittore;
  • è in grado di contrastare la ialuronidasi (degradazione dell’acido ialuronico).

Come si ricorre alla troxerutina?

Può essere prescritta dal medico sotto forma di integratore, o inserita in preparazioni ad uso topico. In quantità molto contenute può essere presente in cosmetici destinati a ridurre gonfiore e senso di pensatezza alle gambe.

Per quel che riguarda il consumo orale e il dosaggio prescritto (agli adulti) può variare da circa 600 mg a 1200 mg al giorno. Varia da un individuo all’altro, a seconda delle condizioni di salute, dell’età e della reazione del loro corpo alla troxerutina.

Controindicazioni.

La troxerutina non deve essere assunta da donne in gravidanza, specialmente durante il loro primo trimestre. Potrebbe avere un impatto negativo sul feto.

Potrebbero inoltre verificarsi alcuni effetti collaterali durante l’assunzione orale di Troxerutin quali prurito, eruzioni cutanee, mal di testa, indigestione e gonfiore addominale.

Se questi effetti collaterali persistono per un lungo periodo di tempo o peggiorano, sospendere immediatamente l’integrazione e contattare il medico.

Troxerutina e cosmesi.

Questo principio attivo viene inserito nei preparati cosmetici in quanto risulta utile come anti infiammatorio per la cura della pelle: la mantiene equilibrata e tonica. Rilassa il tessuto irritato e aiuta a rigenerare l’epidermide.

Questo principio attivo è un ottimo coadiuvante nel lenire e contrastare problemi quali couperose e rosacea.

Contrasta in larga misura i processi infiammatori ed il rilascio di radicali liberi, rallenta la disgregazione dell’acido ialuronico.

Per questo motivo può essere presente in prodotti lenitivi per la pelle, cura del viso, prodotti dopobarba / dopobarba, prodotti anticellulite e cura del bambino.