Vi trovate anche voi come me davanti allo specchio (che carina che sono in questa foto, vero? 😜) a chiedervi, una volta terminata la routine di pulizia quotidiana, se sia meglio applicare siero o crema viso?

Scopriamo insieme la differenza tra i due preparati e cerchiamo di capire quale sia la giusta scelta da compiere.

“Essere, o non essere, questo è il problema: se sia più nobile nella mente soffrire colpi di fionda e dardi d’atroce fortuna o prender armi contro un mare d’affanni e, opponendosi, por loro fine?”  (William Shakespeare)

Siero o crema? Partiamo dalla crema.

La crema viso è un’emulsione, ossia una miscela formata da due liquidi di cui uno risulta disperso sotto forma di goccioline all’interno dell’altro. Si tratta di una composizione in cui saranno presenti una parte oleosa ed una parte di acqua in quantità differenti.

Non potendo queste due soluzioni (a causa del diverso peso specifico) restare aggregate tra di loro saranno ulteriormente addizionate da altre sostanze definite emulsionanti, ma del processo di lavorazione dei cosmetici parleremo più avanti.

Tanto vale per le creme, quanto per i sieri.

Entrando più nello specifico per capire come siano formulate le prime dobbiamo andare a distinguere due tipi di miscele: le miscele acqua in olio (A/O), e le miscele olio in acqua (O/A). Nelle prime prevale la componente oleosa, nelle seconde la maggior parte del prodotto sarà costituito da acqua.

Perchè fare questa distinzione? Come avrete già capito la percentuale di parte liquida determinerà la consistenza del prodotto, e come ben immaginerete in una crema viso non sarà l’acqua a farla da padrone!

Questo tipo di emulsione presenterà pertanto una densità molto più sostenuta rispetto ad un siero, e tendenzialmente risulterà più grassa, sarà caratterizzata da tempi di assorbimento più lunghi e graduali.

Verrà utilizzata principalmente per veicolare sostanze lipofile (ossia solubili solo in sostanze grasse), e generalmente avranno il compito di nutrire la pelle, ricostituire il film idroacidolipidico, rigenerare la struttura cellulare del derma.

E il siero? Come è costituito, quali sono le sue proprietà?

Se come abbiamo appena visto la crema presenta un’alta percentuale di sostanze oleose o grasse, il siero risulta essere una soluzione più leggera, ma non per questo meno efficace.

La presenza di acqua è più alta rispetto all’altra emulsione, ma questo significa che veicolerà sostanze diverse. Potrà contenere principi attivi dalle proprietà idrofile (in grado di assorbire elevate quantità di liquido).

Il siero sarà meno denso rispetto alla crema viso ma al tempo stesso riuscirà a penetrare più velocemente nella pelle apportando benefici pressochè immediati, tra cui un’istantanea sensazione di freschezza.

Utilissimo per ridare tono e vigore alla pelle, efficacissimo in zone delicate come quella labiale e perioculare. Trattenendo acqua ha la capacità di sostenere e ridare volume alle cellule, per questo molti prodotti anti-age dall’effetto riempitivo li troviamo sotto forma di siero.

Per lo stesso motivo i cosmetici preposti alla riduzione di borse ed occhiaie sono costituiti da queste leggerissime emulsioni.

Siero o crema: perchè scegliere?

Già, perchè? Io vi consiglierei di scegliere di non scegliere! 😅

Non dovete optare per un prodotto piuttosto che un altro, dovete capire quale sia il momento più idoneo per applicarli, specialmente se presentate una pelle grassa o mista (ed io faccio parte della prima categoria).

Personalmente io utilizzo le creme (sempre verificandone gli ingredienti, in modo tale che siano quelli di cui la mia pelle necessita) al termine della routine di pulizia serale.

Nelle ore notturne l’epidermide avrà tutto il tempo di assorbire i nutrienti contenuti nel prodotto. Tenete conto che seralmente la maggior parte di noi non deve solo rimuovere eccesso di sebo e scorie dalla pelle, ma anche il make-up giornaliero, pertanto l’epidermide è sottoposta (per quanto possano essere delicati i prodotti utilizzati) ad uno stress più elevato.

Il siero lo utilizzo di giorno, perchè rende la pelle meno oleosa, più fresca e maggiormente idratata.

Vero è che non tutte le stagioni sono uguali. Quando la pelle è esposta a vento e freddo tende ad arrossarsi e a seccarsi, necessita di essere protetta maggiormente. In questi casi si opterà per l’utilizzo della crema anche nelle ore diurne (e qui si potrebbe fare la distinzione tra creme giorno e creme notte).

Ma c’è un compromesso che risolve alla radice il problema. Possiamo miscelare i due composti prima di applicarli, beneficiando così delle proprietà di entrambi. Una piccola quantità di crema sulla mano, due/tre gocce di siero e via con l’applicazione!

 

A volte basta guardare le cose da una diversa angolazione. Cosa ne dite, quest’ultima non la trovate una soluzione creativa? 🙃

 

Hai qualche trucchetto da suggerire a me e agli altri lettori? Scrivilo qui sotto!