fbpx

Di seguito troverete divisi per sezione i consigli per poter trattare al meglio la vostra pelle, a seconda dei problemi che quest’ultima presenta.

“I consigli che seguiamo più volentieri sono quelli che noi stessi ci saremmo dati.” (Roberto Gervaso)

Pelle secca

Se la pelle è molto sensibile, e con un nonnulla  si disidrata e si irrita, quello che serve per ripristinarne le naturali funzioni sono acqua e lipidi. Questi ultimi fungono da barriera, compongono una sorta di pellicola protettiva e nutrono le cellule della pelle.

I motivi per cui la pelle è particolarmente predisposta a questo problema possono essere di diversa natura: la predisposizione genetica, l’esposizione agli agenti esterni, un’alimentazione sbilanciata, cosmetici aggressivi, stress, agenti esterni.

Essendo la pelle “scarsa a barriere”, è importante prendersene cura tutti i giorni, mattina e sera. Così come è importante utilizzare dei prodotti non aggressivi per la pulizia del viso, e particolarmente ricchi di acidi grassi e nutrienti.

Alcune soluzioni potrebbero essere la crema alla bava di lumaca, il detergente ed il tonico al latte d’asina. Questo per quanto riguarda il viso. Per il corpo suggeriamo un bagno con scaglie di sapone al latte d’asina e successivamente l’utilizzo della crema corpo della stessa linea.

Importante è anche non dimenticare mai di idratarsi internamente assumendo acqua, frutta e verdura a volontà e di proteggersi sempre con un buon filtro solare!

Pelle grassa

Predisposizione genetica, stress, sbalzi ormonali o uno stile di vita poco salutare stimolano le ghiandole sebacee, provocando impurità sulla pelle.

Il mantello acido naturale della pelle perde il proprio equilibrio a causa della sovrapproduzione di sebo. I pori si ostruiscono e compaiono i brufoli. Al contempo compaiono i punti neri e proliferano i batteri che vanno ad infiammare la pelle.

Premettiamo che il primo passo sarebbe ripulirsi da dentro, variando la propria alimentazione e naturalmente bevendo molta acqua per facilitare l’espulsione delle tossine.

Esternamente  possiamo innanzitutto effettuare una accurata ma allo stesso tempo delicata pulizia del viso. Nulla di meglio abbiamo da proporre dei bozzoli del baco da seta. Questi esplicano una leggerissima funzione esfoliante, rimuovono le cellule morte ed il grasso in eccesso che si trova sulla pelle, nutrendola al tempo stesso grazie alla sericina in esso contenuti.

Bando alle creme troppo grasse, l’ideale per questo tipo di pelle è un gel fresco e leggero come il gel plus 98%  o il siero elisir spray alla bava di lumaca. Oltre ad idratare il derma, ha la particolarità di essere fortemente rigenerante e cicatrizzante, nulla di meglio per questo tipo di pelle che spesso presenta anche pori dilatati o piccoli segni causati dall’acne.

Pelle “matura”

Purtroppo tutti prima o poi siamo soggetti ai segni del tempo, ma se non si trascura la pelle dandole tutto ciò di cui ha bisogno, curandola e nutrendola, gli anni che passano forse ci peseranno un po’ meno!

In genere la prima cosa che accade alla pelle matura è di disidratarsi, per questo motivo è importante detergerla e nutrirla delicatamente. La linea più idonea per la pulizia del viso è sicuramente quella al latte d’asina.

Dopodiché possiamo scegliere diversi trattamenti, più o meno d’urto. I primi prodotti che consigliamo vivamente sono la crema ed il gel alla bava di lumaca. Se si vuole ottenere invece un effetto particolarmente riempitivo o tensore potremmo optare per la crema al veleno di ape o di vipera.

Anche l’utilizzo del sapone e della maschera illuminante Uguisu no Fun potrebbe essere inserita nella routine di pulizia, per dare luce ad un viso solo apparentemente spento!

Psoriasi e dermatiti

La psoriasi è una dermatite cronica, ossia persistente e duratura, che causa nella maggior parte dei casi lesioni caratterizzate da pelle ispessita con aspetto squamoso bianco-argenteo, spesso associate a prurito. Può presentarsi in qualsiasi parte del corpo.

La causa della condizione è legata a un malfunzionamento del sistema immunitario, che per errore attacca i tessuti sani dell’organismo causando un eccessivo ricambio cellulare.  I fattori in grado di scatenare episodi acuti sono numerosi, tra cui infezioni, stress, pelle secca, medicinali.

Il primo passo da compiere è quello di utilizzare detergenti che siano il più delicato possibile, la linea latte d’asina è l’ideale.

L’utilizzo del baco per esfoliare la pelle e rimuovere le cellule morte è il secondo passo da compiere. Essendo una pelle estremamente soggetta ad infiammazione è da trattare sicuramente con un olio particolare come quello di Emu. Una parentesi particolare va al viso, da trattare ancora una volta con il gel plus 98% alla bava di lumaca.

Cicatrici e smagliature

Una cicatrice o una smagliatura possono a volte metterci a disagio anche più del dovuto. Per questo tipo di problema ci sono due prodotti che consigliamo di utilizzare in sinergia: l’olio di struzzo e il gel plus 98% alla bava di lumaca. L’ideale sarebbe utilizzare l’olio con un profondo massaggio prima di coricarsi ed il gel che asciuga rapidamente alla mattina.

Macchie della pelle

Le macchie della pelle anche esse possono essere causate da svariati fattori, spesso però il principale è l’esposizione non protetta alla luce solare. Quindi ancora una volta in via preventiva: filtri solari!

Quando ormai invece il danno è bello che fatto, ci si raccomanda di utilizzare il bozzolo del baco da seta durante la routine di pulizia, insistendo molto sulle zone della pelle che risultano macchiate e l’ideale è procedere con il trattamento Uguisu No Fun. In ultimo naturalmente il gel plus 98% Ambra alla bava di lumaca.

Ragadi e screpolature

Per questo problema che si presenta in particolar modo sul seno delle mamme che allattano i loro bimbi, il miglior rimedio è sicuramente la crema ragadi al latte d’asina. Se la zona invece interessata sono le labbra, allora si può utilizzare il burro cacao della stessa linea o stendere sulla parte un velo di crema Ambra alla bava di lumaca.

Bonus: e se cadono i capelli?

Ci soffermiamo un’attimo sulla caduta di capelli. Anche se i prodotti che proponiamo nascono principalmente per la cura della pelle, uno di questi si è rivelato utile nel trattamento della caduta dei capelli: l’olio di struzzo o l’olio di crisalide.

Frizionandolo sui capelli l’olio e lasciandolo agire per diverse ore prima del lavaggio andrà innanzitutto a sfiammare la cute e a nutrirla grazie agli acidi grassi in esso contenuti, rinforzando in profondità il capello.

Sarà poi necessario procedere al lavaggio con shampoo e balsamo delicati come quello della linea al latte d’asina.