fbpx

Sangue di Drago, ali di pipistrello… Croton Lechleri per farti più bello! Ebbene sì, il caldo torrido anche a me ha dato al cervello. 😅

Ma vi voglio comunque parlare lo stesso del Croton (se non avete ancora chiuso il browser dopo la mia intro). Perchè? Perchè è magico come il nome che porta, conosciamolo da vicino e scopriamone insieme le virtù!

“Quando si tratta di combattere per i tuoi sogni, sii un drago. Respira il fuoco.” (Richelle E. Goodrich)

CROTON LECHLERI: CARATTERISTICHE

Il Sangue di Drago è una una specie di pianta appartenente alla famiglia delle euforbia (Euphorbiaceae).

Presenta una corona larga ma aperta. Cresce fino a 20 metri di altezza con un diametro del tronco di solito di circa 30 cm.

L’HABITAT DEL SANGUE DI DRAGO

Il Croton Lechleri cresce nella regione amazzonica del Sud America. La corteccia e la linfa dell’albero sono utilizzate per realizzare medicinali ed unguenti.

I PRINCIPI ATTIVI DEL CROTON LECHLERI

I componenti principali del Sangue di Drago sono catechine, tannini, alcaloidi, lignani, antocianine, proantocianidine da importanti poteri antiossidanti.

SANGUE DI DRAGO: PROPRIETÀ

Il Croton Lechleri è caratterizzato da un denso lattice rosso (la linfa della pianta) dall’elevate proprietà medicinali. Risulta essere altamente cicatrizzante, antiossidante, dermorestitutivo, antinfiammatorio, astringente ed antivirale.

Per questo motivo si rende utile su più fronti:

  • per contrastare la diarrea associata a colera;
  • emorraggie intestinali dovute ad AIDS;
  • per contrastare il batterio Clostridium;
  • è un cadiuvante nel trattamento della sindrome dell’intestino irritabile (IBS);
  • antivirale utilizzato per alcune infezioni polmonari;
  • utile per ridurre la febbre;
  • antiemorragico;
  • lenisce le gengive sanguinanti;
  • accelera la guarigione di ferite;
  • accelera il processo di riparazione dei tessuti ossei;
  • contrasta le infezioni vaginali;
  • riduce i dolori mestruali riequilibrando il ciclo;
  • contrasta le crisi emorroidarie;
  • ripara i tessuti cutanei dati da eczema;
  • utile nel trattamento dell’Herpes Simplex;
  • lenisce le punture di insetto;
  • riduce ulcere di bocca, gola, stomaco o intestino.

Si stanno ancora oggi approfondendo ulteriori studi sul Sangue di Drago:
sembrerebbe impedire l’arrivo alla cellula da parte di alcuni virus, bloccare i segnali di dolore nei nervi, è un utile coadiuvante nei trattamenti antitumorali.

CROTON LECHLERI: LE CONTROINDICAZIONI

Il Sangue di Drago ha mostrato bassa tossicità e i preparati utilizzati negli studi clinici sono stati ben tollerati, sono previsti comunque da parte dei comitati scientifici ulteriori studi clinici e farmacologici.

SANGUE DI DRAGO E COSMETICI

Oltre ad essere utilizzato come bendaggio liquido per ferite e lesioni cutanee, il Croton Lechleri ha grandissimi poteri antiossidanti e scavenger.

Le proantocianidine contenute nel Sangue di Drago sono in grado di legare le fibre di collagene naturale inibendo al contempo l’azione degli enzimi, che tendono ad abbattere il collagene con l’età.

Questo ci consente di mantenere la pelle giovane e senza rughe evitando al contempo danni ai tessuti.

Inserito in creme, sieri o altri preparati ne potenzia l’efficacia riparatrice.

E allora… Drago sia! 😉